Via Fanfulla, 14 - 26900 Lodi | tel. 0371 442.1 | fax 0371 416027 | Email: urp@provincia.lodi.it | pec: provincia.lodi@pec.regione.lombardia.it
 
 
     
 
 
 
 
 
 
  LAVORO
    COSA FACCIAMO - MANIFESTO QUALITA'  
    CARTA DEI SERVIZI  
    CONTATTI  
    PIANI E PROGETTI  
    LINK  
    PUBBLICAZIONI  
    ARCHIVIO AVVISI  
  AREA RISERVATA
    ACCESSO PORTALE SINTESI  
  STATISTICHE
    ISCRITTI  
    ASSUNZIONI - CESSAZIONI  
  HOME PAGE LAVORO
    HOME PAGE LAVORO  
  CITTADINI
    ACCOGLIENZA ISCRIZIONI  
    SERVIZIO DI PRESELEZIONE - OFFERTE DI LAVORO  
    AVVIAMENTO SELEZIONI ENTI PUBBLICI - ART. 16  
    PROCEDURA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DIMISSIONI  
    OPERATORI ACCREDITATI AL LAVORO E ALLA FORMAZIONE  
    DOTI DISABILI 2018 - PPD 2017  
    AVVISO PUBBLICO PER GLI ISCRITTI ALLE LISTE DI CUI ALLA LEGGE 68/99 - AVVIAMENTO A SELEZIONE DI PERS  
  DATORI DI LAVORO
    COB - COMUNICAZIONI ONLINE  
    STANDARD TRASMISSIONE COB  
    INCENTIVI ASSUNZIONI  
    RICERCA PERSONALE - INCONTRO DOMANDA/OFFERTA DI LAVORO - IDO  
    SPORTELLO STAGE - TIROCINI - NUOVO DAL 9 DICEMBRE 2013  
    DIMISSIONI  
    APPRENDISTATO  
    COMUNICAZIONI D'URGENZA  
  COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI
    FINALITA' DEL SERVIZIO  
    DICHIARAZIONE RICHIESTA CANCELLAZIONE ISCRIZIONE LISTE LEGGE 68_99  
    DICHIARAZIONE CERTIFICAZIONE REDDITO ANNO 2018  
    OFFERTE DI LAVORO L. 68/99  
    GRADUATORIA CENTRALINISTI NON VEDENTI ALLA DATA DEL 31/12/2017  
    COSTITUZIONE COMITATO TECNICO LEGGE 68/99  
    AZIONI DI RETE PER IL LAVORO 2017 - 2018 - AMBITO DISABILITA'  
    MODALITA' DI ISCRIZIONE AL COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI  
    BANDO DOTE IMPRESA Collocamento mirato 2017/2018  
    LAVORATORI DISABILI E CATEGORIE PROTETTE  
    I DATORI DI LAVORO  
    GESTIONE TELEMATICA RICHIESTE LEGGE 68/99  
    PROSPETTO INFORMATIVO  
    PIANO PROVINCIALE DISABILI  
    AGRICOLTURA SOCIALE  
  MODULISTICA
    CENTRO PER L'IMPIEGO  
    COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI  
  NORMATIVA
    JOBS ACT E NUOVI SGRAVI  
    COB - CRONOLOGIA MODELLI E REGOLE  
    T.U. IMMIGRAZIONE  
    COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE  
    ARTICOLO 16  
    DISABILI  
    MOBILITA'  
    ALTRO  
    NASpI - ex Indennita' di disoccupazione  
    Normativa dal sito DOTTRINA PER IL LAVORO di Modena  
    ASDI - Assegno di DIsoccupazione  
  FORMAZIONE
    CONTATTI  
    MODULISTICA  
    PIANI E PROGETTI  
    PUBBLICAZIONI  
    EVENTI  
    BANDI E AVVISI  
  COSA FACCIAMO
    FORMAZIONE PROFESSIONALE E APPRENDISTATO  
    ISTRUZIONE E OBBLIGO FORMATIVO  
 
Sei in:  SITI TEMATICI  POLITICHE DEL LAVORO - ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE  fuori 1 lavorare

Lavorare con persone detenute ed ex detenute. Perche?

la cultura della pena, nel nostro paese, così come previsto dall'art. 27 della nostra Costituzione e dall'ordinamento Penitenziario, si fonda sulla possibilità di recuperare le persone a una vita nell'ambito della legalità e della costruzione di legami sociali positivi: in questa logica l'esèerienza del lavoro, del mettere a frutto le proprie capacità e competenze, del partecipare a un constesto produttivo, ha un forte significato e importanti esiti concreti.

Un'impresa può decidere di lavorare con le persone in esecuzione penale per ragioni etiche e di utilità sociale ma scoprirà che riceverà anche vantaggi in termini di immagine.

Ragioni etiche e di utilità sociale

Le decisioni imprenditoriali non si fermano ai confini dell'azienda, ma sono parte costitutiva del territorio e si estendono a tutte le sfere della vita sociale.

Favorire l'inserimento lavorativo delle persone sottoposte a provvedimenti dell'autorità giudiziaria significa contribuire alla crescita e al miglioramento della società civile e delle convivenza sociale, in tre direzioni:
  • la diminuzione delle situazioni di emarginazione, attraverso il recupero e la valorizzazione delle risorse individuali che il disagio sottrae alla vita sociale e produttiva del territorio - le imprese del territorio hanno un ruolo importante nel concorrere al rafforzamento del capitale sociale della comunità locale

  • la prevenzione e il contenimento del rischio di comportamenti illegali recidivi - l'inopportunità occupazionale è anche un sostegno pratico verso uno stile di vita rispettoso della convivenza civile

  • Il miglioramento delle generali condizioni di sicurezza per la collettività locale - le città saranno più sicure moltiplicando percorsi di inclusione sociale

Responsabilità sociale

  • in termini di "differenziazione competitiva" oggi la Resposnabilità Sociale d'impresa è un fattore significativo, un valore aggiunto apprezzabile dal contesto locale e un approccio imprenditoriale di alto profilo

  • in termini di marketing sociale, l'inserimento di persone svantaggiate e l'esito di beneficio sociale che porta con sé possono essere valorizzati a beneficio dell'immagine dell'impresa e il suo posizionamento commerciale